Lombalgia 2018-04-03T17:31:18+00:00

Come è fatta la nostra schiena?

Il rachide lombare, ovvero la parte inferiore della schiena, riveste un ruolo di sostegno sia per il tronco che per gli arti superiori, trasmette i carichi alla pelvi e agli arti inferiori e protegge il midollo spinale. Esso è formato, come tutto il resto del rachide, dalle vertebre, tra cui è interposto il disco intervertebrale. Quest’ultimo è formato dal nucleo polposo, all’interno, e dall’anello fibroso esternamente, che lo circonda e lo contiene. Tutta la colonna vertebrale è inoltre stabilizzata da numerosi e robusti legamenti.

Cos’è il mal di schiena?

Il dolore lombare è definito come dolore e/o limitazione funzionale compreso tra il margine inferiore dell’arcata costale e le pieghe glutee inferiori, con eventuale irradiazione posteriore alla coscia ma non oltre il ginocchio, che può causare l’impossibilità di svolgere la normale attività quotidiana, con possibile assenza dal lavoro.

L’80% della popolazione ha avuto almeno un episodio di mal di schiena nella propria vita. Questo disturbo è infatti la seconda patologia più frequente a livello mondiale. Il picco di prevalenza è tra i 30 e i 50 anni.

Perché viene il mal di schiena?

Il mal di schiena a livello lombare si differenzia in base alle cause: aspecifico (85%) o specifico (15%).

Il mal di schiena aspecifico può avere diverse cause: posizioni errate mantenute nel tempo, alterazioni posturali (scoliosi, ipercifosi, ecc.), movimenti ripetuti non eseguiti correttamente, così come un movimento brusco e repentino, un alterato controllo motorio della zona lombare ecc. Tutto ciò può portare a rigidità articolare e contratture muscolari che provocano la sensazione di dolore e/o la limitazione funzionale alla colonna vertebrale.

Il mal di schiena specifico invece può essere causato da: ernia discale, altre patologie muscolo-scheletriche e non. La più comune è l’ernia discale: essa è la rottura dell’anello fibroso del disco intervertebrale con conseguente spostamento del nucleo polposo nello spazio intervertebrale, solitamente nella zona posteriore o postero-laterale. Molto spesso è un fenomeno correlato alla degenerazione, ma non è sempre così. La protusione discale è una sottocategoria dell’ernia ed è quando il materiale discale fuoriuscito è minore della distanza tra i due piatti vertebrali.

Come si cura il mal di schiena?

Loading...

Il mal di schiena può essere un evento acuto o cronico, può presentarsi come episodio isolato o in modo ricorrente. La definizione della causa del sintomo è alla base del trattamento stesso. La persona che soffre di dolore alla zona lombare può trovare sollievo e beneficio dalla fisioterapia. Il Fisioterapista infatti, attraverso una approfondita anamnesi ed esame fisico, potrà indirizzare il paziente verso il percorso più adeguato.

Il trattamento fisioterapico è indicato nei casi di mal di schiena aspecifico e nei casi di mal di schiena specifico di origine muscolo-scheletrica (ernia o protusione discale), con l’obiettivo di individuare le cause del dolore e di utilizzare le tecniche più indicate al fine di ridurre la sintomatologia e prevenire nuovi episodi.

Staff Area Fisioterapia

Dott.ssa Federica Ciolan
Dott.ssa Federica CiolanFisioterapista

Prenota un Appuntamento

Se desiderate ricevere ulteriori informazioni riguardo a temi specifici, contattarci o richiedere un appuntamento compilate il modulo presente all’interno della pagina Contatti.

Per appuntamenti