Logopedia 2018-04-17T20:22:11+00:00

Area Logopedia

Il servizio di Logopedia del centro CMP San Michele si occupa della presa in carico di tutte le problematiche relative all’uso della voce, della parola, del linguaggio orale/scritto e degli handicap comunicativi.

La valutazione e il trattamento logopedico riguardano tutte le fasce di età e le difficoltà e/o patologie trattate sono di diversa natura.

Sito Area Età Evolutiva

Cos’è la Logopedia e chi è il Logopedista?

La figura del Logopedista

Il Logopedista è il professionista che esercita, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e alle procedure di valutazione funzionale delle patologie del Linguaggio e della Comunicazione umana in età evolutiva, adulta e geriatrica. (FLI-Federazione Logopedisti Italiani)

L’attività del Logopedista è volta all’ educazione e alla rieducazione di tutte le patologie che provocano disturbi della voce, della parola, del linguaggio orale e scritto e degli handicap comunicativi.

Quali sono le aree di intervento?

Diagnosi e trattamenti logopedici per l’Età Evolutiva

  • Ritardi semplici e/o Disturbi Specifici di Linguaggio (DSL)

  • Disturbi dell’articolazione (dislalie)

  • Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA)

  • Disturbi della voce (disfonie) e/o della balbuzie

  • Disprassia evolutiva

  • Deficit di comunicazione e/o di linguaggio nelle disabilità intellettive e nelle sindromi genetiche

  • Disturbi Spettro dell’Autismo

  • Deglutizione disfunzionale (deglutizione)

  • Sordità infantile

  • Disfagia infantile

Tipi di intervento

Primo colloquio – incontro con i genitori

Area Logopedia Età Evolutiva

La presenza sia dei genitori che del bambino-ragazzo durante l’incontro, dipende dall’età e dalle eventuali difficoltà di quest’ultimo. Solitamente al primo incontro partecipano solo i genitori ed il tempo è dedicato all’anamnesi (raccolta dei dati e delle informazioni relative al bambino, alla famiglia e alla difficoltà per la quale siamo stati contattati) e alla burocrazia (firma dei documenti per la privacy e del consenso alla valutazione, ritiro impegnativa del medico).

Valutazione logopedica e bilancio logopedico

Area Logopedia Età Evolutiva

La valutazione richiede un minimo di 2 o 3 sedute, a seconda del bambino e della sua collaborazione. Si effettua una valutazione attraverso la somministrazione di test standardizzati se possibile, oppure, nel caso del linguaggio, attraverso modalità di gioco per arrivare ad una valutazione qualitativa. La valutazione può includere anche l’intervento di altre figure professionali (quali psicologo, psicomotricista, educatore, psicoterapeuta e neuropsichiatra infantile) e, sulla base di quanto emerso, si decide con la famiglia se iniziare o meno un percorso terapeutico. Se necessario, si accordano le modalità e le tempistiche della terapia.

Alla fine del percorso valutativo il logopedista effettua un bilancio logopedico e la successiva stesura del piano riabilitativo, dove vengono stabiliti obiettivi a breve, medio e lungo termine.

Terapia individuale

Area Logopedia Età Evolutiva

La durata della terapia varia a seconda del tipo di intervento e delle caratteristiche del bambino. Il logopedista che prende in carico il bambino stabilisce data e ora delle sedute tenendo in considerazione quanto più possibile le esigenze della famiglia. Per una riuscita ottimale della terapia, è fondamentale che durante il percorso il logopedista si confronti, quando necessario e con sistematicità, con la famiglia, con la scuola frequentata dal bambino e con le eventuali altre figure familiari e professionali di riferimento.

 

Logopedia per Adulti

I trattamenti logopedici negli adulti

Il trattamento logopedico negli adulti può essere utile per correggere dei disturbi di diversa natura:

  • problemi a carico della voce (disfonie, raucedine, abbassamenti di voce, afonia);

  • difficoltà nella ritmicità a livello verbale (balbuzie);
  • deficit linguistici o delle abilità comunicative dopo traumi cranici, ictus, patologie neurodegenerative (afasie, anomie);
  • difetti di pronuncia (dislalie);
  • difficoltà di deglutizione (disfagia);
  • deficit di articolazione (disartria).
La logopedia inoltre occupa un ruolo fondamentale anche nella rieducazione della voce in seguito ad affaticamento vocale, cui sono particolarmente soggetti i professionisti che utilizzano la propria voce come strumento di lavoro: manager, insegnanti, avvocati, oratori, imprenditori, venditori, cantanti, attori, conduttori e così via.

Dislalie

I difetti di pronuncia

Le dislalie sono difetti di pronuncia che possono essere conseguenza di malformazioni oppure traumi a carico di labbra, lingua, frenulo linguale, denti, palato). Nella maggior parte dei casi sono invece dovute ad un mancato apprendimento della corretta articolazione dei suoni. I difetti di pronuncia possono riguardare qualunque suoni ma si incontrano frequentemente in relazione all’articolazione della /R/, della /S/, della /Z/, della /T/ e della /F/.

Disfagia

I disturbi della deglutizione

La disfagia comprende una difficoltà di una o più fasi della deglutizione tale da compromettere l’assunzione sicura di cibi liquidi e/o solidi. Spesso infatti si può verificare il passaggio nei bronchi di piccole quantità di alimenti di cui la persona non si accorge. I sintomi che devono mettere in allarme in questi casi sono più silenti, come ad esempio dopo aver mangiato: comparsa di tosse involontaria, voce velata o gorgogliante, necessità di schiarirsi la voce, aumento di salivazione, fuoriuscita di liquidi o di cibo dal naso, presenza di catarro, ripetute infezioni delle vie respiratorie, polmonite ab ingestis (infezione causata dalla presenza di residui alimentari nei polmoni).
In presenza di disturbo della deglutizione è importante rivolgersi ad un logopedista che, in sintonia con un eventuale trattamento dentistico, possa valutare se consigliare di iniziare una Terapia Mio Funzionale, ossia un trattamento di educazione e rieducazione delle funzioni orali (posizione linguale a riposo, deglutizione, respirazione, masticazione, articolazione dei fonemi) finalizzato al raggiungimento di un equilibrio della muscolatura oro-facciale e ad una deglutizione corretta.

Balbuzie

Il disturbo del ritmo della parola

Le balbuzie sono un disturbo del ritmo della parola, nel quale la persona sa perfettamente cosa vuole dire, ma allo stesso tempo è impossibilitata a farlo a causa di arresti, ripetizioni o prolungamenti di suoni involontari. Questa problematica coinvolge molti aspetti cognitivi, psicologici, linguistici, motori e sociali. Questo determina un impatto altamente invalidante sulla vita della persona balbuziente. Per tali ragioni è importante rivolgersi ad un’équipe multidisciplinare per valutare l’entità del disturbo e pianificare un trattamento mirato e adeguato.

Disfonie, raucedine e afonie

I disturbi a carico della voce

Le disfonie sono alterazioni della voce parlata, cantata o gridata che si instaura a causa di modificazioni di tipo strutturale e/o funzionale degli organi dell’apparato fonatorio. Tali difficoltà possono essere a livello quantitativo (perdita della voce) o a livello qualitativo (modificazione della voce come raucedine).

Disartria

Il disturbo dell’articolazione

La disartria è un deficit relativo all’articolazione oro-facciale che rende difficoltoso l’esprimersi oralmente. Solitamente si manifesta a seguito di ictus, malattie neurodegenerative. L’intervento di un logopedista può risultare efficace ai fini del potenziamento delle risorse residue e del mantenimento delle capacità conservate. Il trattamento logopedico sarà orientato a rendere comprensibile ciò che la persona dice, individuare strategie per rendere più facile la comunicazione, educazione della motricità oro-bucco-facciale, incremento di consapevolezza rispetto la propria riuscita comunicativa, aumento della spinta motivazionale e del piacere nel comunicare.

Afasie

I disturbi acquisiti del linguaggio

L’afasia è definita un disturbo acquisito del linguaggio conseguente ad una lesione delle strutture cerebrali implicate nell’elaborazione dei diversi aspetti delle capacità linguistiche. Vi sono varie forme di afasia che caratterizzano quadri sintomatologia molto differenti tra loro che riguardano la produzione, comprensione e ripetizione di linguaggio orale in concomitanza o meno con difficoltà di letto-scrittura. In questi casi è importante rivolgersi ad un logopedista che, insieme ad uno psicologo esperto in ambito neuropsicologico, possa valutare l’entità del disturbo e pianificare un trattamento adeguato alla persona.

Staff Area Logopedia

Dott.ssa Maria Vittoria Marotta
Dott.ssa Maria Vittoria MarottaLogopedista
Dott.ssa Iolanda Parolisi
Dott.ssa Iolanda ParolisiLogopedista

Prenota un Appuntamento

Se desiderate ricevere ulteriori informazioni riguardo a temi specifici, contattarci o richiedere un appuntamento compilate il modulo presente all’interno della pagina Contatti.

Per appuntamenti